Home >> Salute e bellezza >> Curare i propri capelli: ecco come

Curare i propri capelli: ecco come

capelli--La stagione estiva lascia tanti bei ricordi: le vacanze, le corse sulla spiaggia, ma anche i capelli sfibrati. Salsedine, raggi UV, il cloro della piscina: tutti elementi che non favoriscono, di certo, una capigliatura sana e forte. Il risultato finale, infatti, è un cuoio capelluto debole, senza morbidezza e setosità. Come è possibile rimediare ai danni estivi? Ecco alcuni semplici consigli.

Innanzitutto, dimenticatevi il parrucchiere: secondo un recente sondaggio, condotto dall‘Osservatorio di Hairdressing L’Oréal, un milione di donne entra ogni giorno in un salone di bellezza. Una cifra impressionante, se si pensa che per ristabilire l’ordine tra i propri capelli ci vuole ben poco.

A cominciare da una bella, e buona, maschera di bellezza: queste si possono fare tranquillamente a casa, e necessitano di ben poche attenzioni. Dopo averle acquistate, infatti, vi basterà applicarle, e lasciarle in posa per alcuni minuti. Subito dopo potete risciacquare e sentire, fin da subito, i risultati.

I capelli, infatti, appaiono subito morbido, setosi, luci e compatti. Ma come devono essere queste maschere di bellezza? In realtà, bisogna controllare che al loro interno vi siano solo determinati ingredienti: vediamo insieme quali devono essere.

Prima di tutto, la cheratina: è la proteina principale che svolge un’azione di riempimento e di rinforzo. I capelli, in questo modo appaiono subito lucidi e compattti. Un altro ingrediente fondamentale sono gli acidi grassi: servono a riempire gli spazi vuoti delle cuticole dei capelli, e prevengono la possibile rottura del fusto. Infine, non dobbiamo dimenticarci del collagene: la sua azione è simile a quella del filler, in quanto sigilla la fibra capillare.

Insomma, dite addio agli appuntamenti dal vostro parrucchiere, e alle sedute interminabili: oggi è sufficiente avere un po’ più di attenzione ai proodtti che si utilizzano. I vostri capelli vi ringrazieranno!

Commenti chiusi.