Home >> Salute e bellezza >> Ferritina alta: cosa significa e quali sono le possibili conseguenze

Ferritina alta: cosa significa e quali sono le possibili conseguenze

Livelli di ferritina superiori al normale possono essere indicativi di un disturbo dello stoccaggio del ferro nel proprio organismo, come l’emocromatosi.

L’emocromatosi ereditaria è un disturbo ereditario (genetico) in cui vi è un eccessivo accumulo di ferro nel corpo (sovraccarico di ferro). Negli individui con emocromatosi ereditaria, l’assorbimento giornaliero di ferro dall’intestino è maggiore della quantità necessaria per sostituire le perdite. Poiché il corpo non è dunque in grado di aumentare in condizioni normali l’escrezione di ferro, il ferro assorbito si accumula nel corpo dando seguito a una serie di conseguenze da valutare.

In particolare, un uomo con emocromatosi può accumulare 20 grammi di ferro corporeo totale entro i 40 – 50 anni (il contenuto di ferro normale per il corpo è di 3 – 4 grammi). L’eccesso di ferro si deposita nelle articolazioni, nel fegato, nei testicoli e nel cuore, causando danni a questi organi e causando segni e sintomi di emocromatosi.

Le donne con emocromatosi accumulano ferro ad un ritmo più lento rispetto agli uomini perché perdono più ferro degli uomini a causa della emorragia di ferro per le mestruazioni. Di conseguenza, essi sviluppano tipicamente segni e sintomi di danni agli organi a causa dell’eccesso di ferro 10 anni dopo gli uomini.

Le persone con emocromatosi ereditaria possono non avere sintomi o segni (e hanno una normale longevità), oppure possono avere sintomi gravi e segni di sovraccarico di ferro che includono: disfunzione sessuale, insufficienza cardiaca, dolori articolari, cirrosi epatica, diabete mellito, perdita di peso, stanchezza, pelle di tonalità più scura. In ogni caso, i sintomi si manifestano perché il ferro si accumula negli organi e porta alla distruzione e alla perdita del normale funzionamento.

Altre cause di un alto livello di ferritina sono condizioni mediche infiammatorie croniche come malattie epatiche o artrite reumatoide, o alcuni tipi di cancro.

Per poterne sapere di più vi consigliamo naturalmente di parlarne con il vostro medico di riferimento, condividendo con lui tutti i sintomi e verificando la diagnosi attraverso la conduzione di specifici test del sangue, finalizzati a monitorare il livello della ferritina nell’organismo.

Commenti chiusi.