Home >> Finanza >> Finanziamenti per giovani imprenditori

Finanziamenti per giovani imprenditori

finanziamenti per i giovaniI giovani imprenditori a capo di attività e imprese in fase di start up hanno la possibilità di richiedere dei finanziamenti a fondo perduto rivolgendo domanda ad enti pubblici erogatori dei contributi necessari non soggetti a rimborsi o ad interessi sul credito ottenuto.

Finanziamenti a fondo perduto: chi può accedervi?

Queste forme di credito a fondo perduto sono rivolte a giovani con età inferiore ai 35/40 anni, per l’avvio di imprese di nuova costituzione.
Il finanziamento a fondo perduto costituisce un’ottima opportunità di crescita professionale e di sviluppo dell’imprenditoria giovanile, soprattutto in quelle regioni svantaggiate a causa di fattori socio-economici (centro-sud d’Italia).
In Italia, la normativa in merito a queste forme di credito dirette a giovani manager è quella che fa riferimento alla legge 95/95, in base alla quale è contemplata l’erogazione di finanziamenti a sostegno di realtà imprenditoriali, a seconda delle modalità di accesso, a persone di età inferiore o pari a 30-40 anni.

Come accedere al finanziamento a fondo perduto?

Chi vuole accedere ai finanziamenti a fondo perduto può farne richiesta presso l’ente pubblico erogatore o società finanziarie pubbliche (Comune, Regione, Provincia o altra istituzione a carattere nazionale o europeo, Camera di Commercio), compilando un’apposita domanda e allegando ad essa la relativa e necessaria documentazione.
La documentazione riguarda nel particolare l’organizzazione e la struttura della alla società, il progetto manageriale, il business plan che contiene nel dettaglio il proprio piano professionale.
Le domande per ottenere i finanziamenti per giovani imprenditori vengono concessi previa analisi da parte del soggetto erogante che riconosce il capitale a supporto del progetto, svincolato da termini della restituzione o dal pagamento di interessi.
Per richiedere finanziamenti a fondo perduto si deve consultare periodicamente lo stato di emissione dei bandi, rivolgendosi alla Regione di appartenenza o altro ente territoriale, o alla Camera di Commercio.

Commenti chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi