Home >> Salute e bellezza >> Malattie cardiache, prima causa di morte in Italia

Malattie cardiache, prima causa di morte in Italia

doctor-563428_960_720Secondo quanto emerge dalle più recenti statistiche, sono le malattie cardiache la prima casa di morte in Italia. Gli attacchi di cuore nel 2013 – ultimo anno al quale è possibile riferire delle statistiche puntuali – hanno infatti generato 184.800 decessi, mentre gli ictus hanno determinato quasi 94 mila morti, rappresentando complessivamente quasi la metà (il 48 per cento) di tutte le morti tra le persone di età inferiore ai 75 anni. Malattie per le quali è possibile intevenire con cure adeguate, costituendo dunque un bacino di mortalità evitabile molto rilevante.

Ad esserne convinto è Michele Gulizia, presidente della ANMCO, che in occasione dell’ultima edizione del Congresso nazionale dell’associazione nazionale medici cardiologi ospedalieri a Rimini, ha dichiarato che i dati di cui sopra suggeriscono di fare attenzione al cuore e ai rischi cui si va incontro ogni giorno. Bisognerebbe pertanto evitare il fumo, lo stress, la dieta ricca di grassi, il sovrappeso, la vita sedentaria, l’ipertensione.

Ma non solo. Da qualche tempo per poter aiutare il nostro muscolo più importante è nata la Banca del Cuore, una carta che viene rilasciata gratuitamente dalle cardiologie, e che contiene i dati clinici della propria salute cardiovascolare (dall’elettrocardiogramma alla pressione arteriosa), e nella quale è tra l’altro possibile inserire alcune fondamentali informazioni (se si è diabetici, se si è avuto un infarto, e così via).

Insomma, anche in questo caso, come peraltro vale nella generalità dei casi, la prevenzione è lo strumento fondamentale per poter evitare guai peggiori e per poter proseguire un sereno sviluppo della propria esistenza. Per saperne di più, provate a parlarne con il vostro medico di fiducia: saprà certamente illustrarvi ogni informazione per poter migliorare la salute del proprio cuore.

Commenti chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi