Home >> Finanza >> I prestiti cambializzati possono essere richiesti da lavoratori autonomi

I prestiti cambializzati possono essere richiesti da lavoratori autonomi

Prestiti Cambializzati

I prestiti cambializzati sono una tipologia di finanziamento che prevede che il rimborso delle rate avvenga attraverso un certo numero di cambiali che vanno pagate ogni mese in uno sportello bancario. Sono il finanziamento ideale per chi non è riuscito ad ottenere un prestito tradizionale, per chi è cattivo pagatore e di conseguenza iscritto alla lista della Centrale dei rischi o per chi è stato protestato.
Nonostante la formula di prestito cambializzato non prevede la verifica da parte della banca o dell’istituto di credito sulla situazione debitoria del richiedente, per l’erogazione del prestito servono comunque, delle garanzie.

I prestiti cambializzati possono essere richiesti da lavoratori autonomi, da lavoratori dipendenti e da disoccupati. Per ciascuna di queste categorie professionali i documenti e le garanzie richieste dalla banca o dall’ente di finanziamento sono diversi.

Le garanzie richieste ad un lavoratore autonomo che richiede un prestito cambializzato sono: la dichiarazione dei redditi e la stipula di un assicurazione; I lavoratori dipendenti per ricevere il prestito cambializzato dovranno presentare anche il Tfr; Anche i dipendenti con contratto a tempo determinato possono chiedere un prestito cambializzato ma in questo caso, i richiedenti devono presentare la firma di un terzo garante o un coobbligato. Il disoccupato invece, non avendo reddito e/o pensione dovrà presentare documenti che attestino la proprietà di immobili o in alternativa può presentare un garante avente reddito. Infine l’ultima garanzia richiesta è quella che riguarda l’età: l richiedente deve avere un età compresa tra i 18 e i 70 anni.

I prestiti cambializzati hanno un tasso fisso annuo nominale massimo applicabile del 16% ; A questo si deve aggiungere un costo relativo a tutte spese che riguardano i prestiti personali (oneri assicurativi, imposta di bollo etc) più la spesa di  incasso effetto ( la cambiale). L’importo erogabile può andare da un minimo di 1.500 euro e massimo di 50.000 e la durata di rimborso deve essere compresa tra un minimo di 36 mesi fino ad un massimo di 120 mesi.

Il tempo di accettazione per un prestito cambializzato è di circa, 8 giorni.

Inserisci un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi