Home >> Salute e bellezza >> Bere alcol con moderazione può far bene alla salute

Bere alcol con moderazione può far bene alla salute

L’assunzione di alcol moderata – definito come non più di un drink alcolico per le donne e due per gli uomini al giorno – è stato associato a un rischio inferiore di morire di malattie cardiovascolari rispetto agli individui che si astengono dal bere o partecipare a bere eccessivo, secondo un nuovo studio presentato all’American College of Cardiology. È anche il primo studio a dimostrare che bere quantità moderate di alcol può essere protettivo per il cuore, in parte, riducendo i segnali cerebrali legati allo stress basato su un sottoinsieme di pazienti che sono stati sottoposti a imaging cerebrale.

Lo studio sul consumo di alcol

Abbiamo scoperto che l’attività legata allo stress nel cervello era più alta nei non bevitori rispetto alle persone che bevevano moderatamente, mentre le persone che bevevano eccessivamente (più di 14 drink a settimana) avevano il più alto livello di attività cerebrale legata allo stress“, ha dichiarato Kenechukwu Mezue, autore principale dello studio. “Il pensiero è che quantità moderate di alcol possono avere effetti sul cervello che può aiutare a rilassarsi, ridurre i livelli di stress e, forse attraverso questi meccanismi, abbassare l’incidenza delle malattie cardiovascolari“.

Sebbene Mezue ha infuso cautela, affermando che questi risultati non dovrebbero incoraggiare l’uso di alcol, ha comunque affermato che potrebbero aprire le porte a nuove terapie o prescrivere attività di alleviamento dello stress come esercizio o yoga per aiutare a ridurre al minimo i segnali di stress nel cervello.

Lo studio attuale suggerisce che l’assunzione moderata di alcol ha un impatto benefico sulla connessione cervello-cuore. Tuttavia, l’alcol ha diversi effetti collaterali importanti, tra cui un aumento del rischio di cancro, danni al fegato e dipendenza, quindi sono necessari altri interventi con profili di effetti collaterali migliori che hanno un impatto benefico sulle vie del cervello e del cuore“, ha detto Mezue.

Le valutazioni di un altro studio

In uno studio correlato condotto dallo stesso team di ricerca, esercizio è stato trovato per avere un effetto simile sull’attività cerebrale così come l’incidenza di malattie ed eventi cardiovascolari. Gli autori hanno detto che l’esercizio è associato alla diminuzione dell’attività cerebrale associata allo stress in modo dose-dipendente. Mentre la connessione tra stress e malattie cardiache è ampiamente accettata, gli autori hanno detto relativamente poche ricerche sono state fatte su come modificare lo stress può aiutare a proteggere la salute del cuore.

I dati sono stati ottenuti dall’indagine sanitaria Mass General Brigham Biobank di 53.064 partecipanti, di cui 59,9% erano donne e l’età media era 57,2 anni. L’assunzione di alcol si basava sull’autodichiarazione ed era classificata come bassa (<1 drink/settimana), moderata (1-14 drink/settimana) o alta (>14 drink/settimana). Gli eventi cardiovascolari avversi maggiori, tra cui infarto, ictus o ricoveri correlati, sono stati determinati utilizzando i codici diagnostici (ICD).

Dei pazienti inclusi, 752 sono stati sottoposti a tomografia a emissione di positroni 18F-fluorodeossiglucosio, o PET imaging, che è spesso usato come parte dello screening del cancro, ma può anche mostrare aree del cervello che hanno una maggiore attività. Le scansioni hanno permesso ai ricercatori di misurare oggettivamente l’attività nelle regioni del cervello note per essere associate allo stress. I ricercatori hanno valutato l’attività cerebrale legata allo stress misurando l’attività dell’amigdala (la parte del cervello associata alla paura e allo stress) e dividendola per l’attività nella corteccia frontale (la parte del cervello coinvolta nelle funzioni esecutive). Hanno poi raggruppato i pazienti in base all’estensione dell’attività dello stress cerebrale.

Ebbene, tra i partecipanti il 15% ha sperimentato un grande evento cardiovascolare avverso: Il 17% nel gruppo a basso consumo di alcol e il 13% nel gruppo a moderato consumo di alcol. Le persone che hanno riferito un’assunzione moderata di alcol sono state accreditate di avere il 20% di possibilità in meno di avere un evento maggiore rispetto a una bassa assunzione di alcol e avevano anche una minore attività cerebrale legata allo stress.

 

Commenti chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi