Home >> Sport >> Il sesso prima dello sport fa male?

Il sesso prima dello sport fa male?

Si dice che fase sesso prima dello sport non sia certamente una buona abitudine. Insomma, in altri termini, ancora più prosaici, stancarsi sotto le lenzuola potrebbe compromettere le performance sportive. O, almeno, così si dice, in un’antichissima opinione tradizionale che si è diffusa fin dall’antica Grecia. Ma è davvero così? O si tratta di una diceria che potrebbe essere opportuno smentire, togliendo dunque un po’ di pressioni da questo rapporto?

In realtà, un recente studio condotto dal dipartimento di Medicina dello Sport dell’Università di Firenze afferma non vi è alcun motivo per rinunciare al sesso in vista di una competizione.

Ma allora per quale motivo molte persone ritengono giusto astenersi dal sesso prima dello sport? Le giustificazioni date per l’astinenza sono in realtà numerose. Secondo alcuni, ad esempio, l’astinenza potrebbe incoraggiare l’agonismo, mentre secondo altre persone un rapporto sessuale potrebbe determinare un calo di testosterone e fiaccare i muscoli. Ancora, c’è chi, più comunemente e generalmente, ritiene che il sesso sia un dispendio di preziose energie.

Ebbene, niente di tutto questo. I dati forniti dalla ricerca fiorentina dimostrano infatti che nulla di tutto questo è vero, e che dunque un rapporto sessuale una decina di ore prima di una gara potrebbe perfino avere un effetto positivo sui risultati.

Di contro, c’è un momento in cui il sesso potrebbe diventare pregiudicante: è tuttavia il caso limitato all’associazione del sesso con comportamenti scorretti come il fumo, l’alcol o l’uso di droghe.

In fondo, è anche per questo motivo che durante le Olimpiadi i contraccettivi vengono messi a disposizione gratis per gli atleti: i rapporti sessuali non sono certamente vietati dalle federazioni sportive, poiché la sessualità è considerata un atto fisiologico normale, che gli sportivi dovrebbero sentirsi liberi di vivere. L’obbligo dell’astinenza non sembra dunque fondato, anche se occorrono altri studi per poter accertare ulteriori riflessi di questa delicata faccenda…

Commenti chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi