Home >> Salute e bellezza >> La stitichezza: ecco come combatterla

La stitichezza: ecco come combatterla

panciaLa stitichezza è un problema che accomuna molte donne, soprattutto durante e dopo la gravidanza. Secondo recenti studi, infatti, è stato stimato che circa 13 milioni di persone ne soffrano, e di queste ben 9 milioni siano donne. Una cifra impressionante!

La stitichezza, o stipsi, viene identificata come una difficoltà ad evacuare le feci. Non si tratta di una malattia, ma di un sintomo che può nascondere cause ben più profonde e radicate. Queste possono essere identificabili con le emorroidi o le ragadi (se si parla di malattie ano-rettali), oppure con problemi di colite se il problema è rintracciabile nell’intestino.

Tuttavia, nel caso in cui il medico abbia appurato che non ci si trova in presenza di nessun tipo di malattia, il problema di fondo potrebbe essere una dieta poco equilibrata, la mancanza di attività fisica oppure la cosiddetta sindrome del colon irritabile.

Di fatto, non esiste una cura universale per combattere la stitichezza: solo dopo un attento esame accurato, e fatto da uno specialista, si può intervenire con una cura specifica.

Nel frattempo, però, si possono seguire piccoli accorgimenti che, senza dubbio, vi aiuteranno a superare il problema della stipsi: innanzitutto, è bene idratare accuratamente il proprio corpo. E per farlo è necessario bere almeno 2 litri di acqua al giorno.

Inoltre, è opportuno seguire una dieta ricca di fibre: i legumi sono privi di colesterolo, ma aiutano la regolarità dell’intestino. Anche la frutta secca è ricca di fibre, soprattutto le mandorle.

Un rimedio naturale, e molto efficace, poi, consiste nel mangiare al mattino (appena svegli) due cucchiai di semi di lino, seguiti da un bicchiere di acqua tiepida: i semi di lino facilitano il transito intestinale, ed hanno una funzione emolliente per le pareti interne.

Ricordatevi, però, che è importante prima di tutto farsi visitare dal medico: solo dopo un controllo accurato, e una visita specialistica, si potrà identificare una cura specifica per il vostro caso.

Commenti chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi