Home >> Salute e bellezza >> I vaccini e la terza dose sono efficaci contro la variante Omicron?

I vaccini e la terza dose sono efficaci contro la variante Omicron?

I richiami del vaccino Covid-19 (la c.d. terza dose) danno una protezione stimata dal 70% al 75% contro la malattia lieve dalla nuova variante Omicron. Ad affermarlo, qualche ora fa, l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito, citando i risultati iniziali di uno studio sul mondo reale e, dunque, non solo su laboratorio.

I risultati sono alcuni dei primi dati sulla protezione contro omicron al di fuori degli studi di laboratorio, che hanno mostrato una ridotta attività neutralizzante contro omicron. I primi dati del mondo reale suggeriscono che mentre l’Omicron potrebbe ridurre notevolmente la protezione contro la malattia lieve da un corso iniziale di vaccinazione a due dosi, i richiami hanno ripristinato la protezione in una certa misura.

Queste prime stime dovrebbero essere trattate con cautela, ma indicano che pochi mesi dopo il secondo jab, c’è un rischio maggiore di prendere la variante omicron rispetto al ceppo delta“, ha detto la dottoressa Mary Ramsay, responsabile delle immunizzazioni presso l’UKHSA, aggiungendo che la protezione contro la malattia grave dovrebbe rimanere più alta.

I dati suggeriscono che questo rischio è significativamente ridotto dopo un vaccino di richiamo, quindi esorto tutti a prendere il loro richiamo quando è idoneo“.

In un’analisi di 581 persone con omicron confermato, due dosi di AstraZeneca e Pfizer-BioNTech, i vaccini hanno fornito livelli molto più bassi di protezione contro l’infezione sintomatica rispetto a quello che forniscono contro delta.

Tuttavia, quando potenziato con una dose di vaccino Pfizer, c’era circa il 70% di protezione contro l’infezione sintomatica per le persone che inizialmente hanno ricevuto AstraZeneca, e circa il 75% di protezione per coloro che hanno ricevuto Pfizer. Questo si confronta con la protezione stimata contro l’infezione da Delta dopo un richiamo di circa il 90%.

UKHSA ha detto che, alle tendenze attuali, Omicron rappresenterebbe più del 50% di tutte le infezioni Covid-19 entro la metà di dicembre, con la Gran Bretagna che supererebbe un milione di infezioni entro la fine del mese.

Commenti chiusi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi